"Storielle" Zen

 

La statua del Buddha

 

 

 

Un maestro zen si era fermato, durante un viaggio, in un tempio.
PoichÚ faceva freddo, per non morire congelato, aveva preso una statua di legno del Buddha e le aveva dato fuoco.
Il sacerdote del tempio, vedendo le fiamme, si era svegliato ed era accorso: credeva che si trattasse di un incendio.
Quando vide quel che succedeva, fu sconvolto dal sacrilegio. "Che cosa hai fatto?" grid˛. "Hai bruciato il corpo del Buddha!"
Il maestro prese un bastone e si mise a frugare tra le ceneri.
"E ora che cosa fai?" gli domand˛ il sacerdote.
"Cerco le ossa del Buddha."
"Quali ossa? Non vedi che Ŕ una statua di legno?"
"Allora, per favore, portami un altro Buddha da bruciare."

 

 

 

Commento:

Ecco illustrate due opposte concezioni del sacro: quella simbolico-rituale del sacerdote e quella sostanziale del maestro zen. Per il primo, il sacro, il religioso, era costituito dalle statue, dal tempio e dalle sue liturgie; per il secondo era dato dalla vita stessa e dalle sue necessitÓ. Era pi¨ importante conservare una statua o un uomo in carne ed ossa? "Dio non abita in edifici costruiti da mano d'uomo" dice la Bibbia. Viene talvolta il sospetto che i templi e le chiese servano non per avvicinare l'uomo alla trascendenza, ma per farla uscire dalla vita di tutti i giorni, per poterla dimenticare con pi¨ facilitÓ. Abituiamoci a ritrovare il divino, al di lÓ delle contrapposizioni, in quel naturale "tempio dello spirito" che Ú la nostra stessa mente pacificata.

 

 

 

Torna alla HOME dell'Area dedicata al Giappone

Torna alla HOME di Menno.IT